Rimappatura o centralina aggiuntiva: quale conviene

Da diversi anni a questa parte, rimappatura ed installazione di una centralina o modulo aggiuntivi sono stati spesso trattati assieme come interventi per migliorare le prestazioni della tua auto, della tua moto, del tuo camper o del tuo veicolo commerciale. Se questo non è del tutto errato, ci sono comunque delle sostanziali differenze che dobbiamo tenere presenti.
 
Prima di evidenziare e mettere così a confronto le due soluzioni, facciamo una rapida panoramica generale sulla storia e sul funzionamento di una centralina aggiuntiva e ricapitoliamo le informazioni principali sulla rimappatura.

La centralina aggiuntiva
Essa è un modulo elettronico che, una volta installato in parallelo ad un sensore, inganna i segnali provenienti da quest’ultimo verso il resto del sistema. Queste centraline non contengono una vera e propria mappatura: semplificando il concetto, i suoi componenti “imbrogliano” il sensore al quale vengono collegati.
 
Un modulo aggiuntivo Common Rail, giusto per fare un esempio, può agire sul segnale che il sensore di pressione invia alla centralina, attenuandolo cosicché quest’ultima sia portata a dettare un’erogazione maggiore. Con un meccanismo simile, può variare il segnale del tempo di iniezione. Recependo e dando seguito a questo messaggio “truffaldino”, la centralina motore aumenta indirettamente la potenza senza un reale monitoraggio dei parametri.
 
La nascita di questi moduli risale alla fine degli anni ’90 con l’obiettivo di operare una sorta di ottimizzazione in alcuni veicoli dall’elettronica datata che montavano delle centraline non riprogrammabili. In sostanza, sono stati inventati come alternativa alla rimappatura laddove questa non era possibile. I primi erano analogici, consistenti in semplici resistenze variabili. Agivano sempre attenuando il segnale, ma erano componenti passivi e davano possibilità più limitate nella taratura dei parametri entro i quali operare.
 
Successivamente sono stati introdotti invece dei moduli digitali, che utilizzano un processore e che permettono dunque una parametrizzazione maggiore. Consentono ad esempio di attenuare il segnale del sensore di pressione solo da e fino una certa soglia di volt. La modulazione può così iniziare oltre il regime minimo del motore ed interromperla gradualmente oltre un certo numero di giri.
 
La rimappatura della centralina
Rimappare una centralina elettronica, ossia la ECU (Engine Control Unit) significa riscrivere i parametri contenuti all’interno del software di gestione del motore. La mappatura originale del tuo veicolo viene insomma sottoposta dapprima a lettura, poi ad ottimizzazione e, così modificata, viene infine memorizzata nella centralina.
 
Lo sviluppo viene eseguito su banco prova da ingegneri e preparatori tecnici qualificati, con l’obiettivo di migliorare al massimo le prestazioni nei margini di affidabilità e sicurezza imposti dalla meccanica, dell’uso e dalle caratteristiche generali del veicolo. Una volta messo a punto e testato, il software viene installato.
 
La rimappatura non comporta alcun intervento invasivo e né alcuna modifica di parti meccaniche. Questa riprogrammazione permette di ottenere diversi benefici, tra i quali l’ottimizzazione delle curve di coppia e potenza. I vari elementi dell’impianto elettronico possono essere modulati singolarmente, ed accanto ad un miglioramento nelle prestazioni è possibile ottenere altresì un’importante diminuzione nei consumi: aumentando infatti la coppia ai bassi regimi, si può mantenere una marcia più alta premendo meno sull’acceleratore, bruciando meno carburante.
 
Quale conviene: l’opinione di Top Tuning
Proprio per la sua differente natura, un modulo aggiuntivo darà sempre esito a risultati di portata inferiore rispetto a quelli raggiungibili con una rimappatura della centralina. Questa non è soltanto la nostra opinione, bensì un dato di fatto ampiamente comprovato. A differenza di quanto accade con un modulo aggiuntivo, la riprogrammazione della centralina permette di controllare contemporaneamente e con puntualità più parametri di gestione motore, ad esempio:
 
§  Iniezione di base
§  Pressione turbo
§  Quantità di carburante
§  Limitatore di coppia
§  Limitatore di velocità
§  Rigenerazioni DPF (filtro anti-particolato) e temperatura gas di scarico (fumosità)
§  Quantità di gasolio / benzina
§  Pressioni Rail
§  Anticipo di pompa o accensioni (motori diesel / benzina)
§  Iniezione supplementare per arricchimento pieno carico e / o partenze a freddo / caldo
 
È per questa possibilità di agire in maniera capillare che la rimappatura garantisce risultati in termini di potenza e coppia maggiori rispetto ad un modulo aggiuntivo. Ed è anche il motivo per il quale la riteniamo una soluzione migliore e ci sentiamo di consigliarla a chi volesse ottenere di più dal proprio veicolo. Contattaci.

Sedi
Sedi
Risparmio
Calcola il risparmio
Info
Info
Contatti
Contattaci
Prenota
Prenota rimappatura